Cenone di Capodanno 2023, i 7 alimenti che portano bene

Cenone di Capodanno 2023, ecco i 7 alimenti che portano bene e che bisogna avere sulle nostre tavole. 

Cenone Capodanno 2023
Cenone Capodanno (Foto da Canva – glispioni.it)

Mancano davvero pochissime ore alla notte più lunga dell’anno. Finalmente stiamo per salutare il 2022 e dare spazio alle 2023. Tutti sperano possano essere 365 giorni più sereni, visto e considerato il periodo così complicato che abbiamo vissuto.

In queste ore fervono i preparativi per il cenone e ci sono diverse usanze e tradizioni che molti rispettano. In modo particolare mi riferisco ad alcuni alimenti che si ritiene possano portare fortuna se mangiati allo scattare della mezzanotte come ad esempio le lenticchie con lo zampone.

Ovviamente, come si suol dire paese che vai usanza che trovi e di conseguenza ne elencheremo sette diversi e provenienti da diverse parti del mondo. Quindi, se non avete ancora completato la vostra spesa, vi consiglio di annotarvi anche questi altri prodotti.

Cenone di Capodanno, da tutto il mondo alimenti di buon auspicio 

Cenone Capodanno 2023
Lenticchie (Foto da Canva – glispioni.it)

Iniziamo con la Germania: una tradizione del cenone di capodanno e quella di servire della carne di maiale. Assieme ad essa e di buon augurio servire del cavolo. Questo alimento non solo aiuta nella digestione, ma offre una protezione verso il cancro.

In Italia ovviamente non possono mancare le lenticchie. Queste vanno mangiate allo scattare della mezzanotte insieme al tradizionale zampone. Questo alimento si è mangiato con regolarità aiuta a ridurre il rischio di malattie cardiache, oltre ad essere molto ricchi di fibre.

Passiamo ad un altro legume: questa volta si tratta dei fagioli dall’occhio nero che venivano serviti la notte di capodanno in tempo di guerra civile americana. Si tratta di un piatto tipico che molti fanno risalire all’antico Egitto come dimostrazione di umiltà verso gli dei.

LEGGI ANCHE –> Nostradamus: la profezia sul 2023 è da brividi

LEGGI ANCHE –> Notte di San Silvestro, quanto costa mangiare da Antonino Cannavacciuolo? I prezzi

In ultimo ma non per importanza, si sceglie specialmente nei paesi scandinavi di mangiare l’aringa. Questo pesce simboleggia l’abbondanza e per quanto riguarda le proprietà nutritive è ricco di omega 3, di vitamina D e di vitamina B2. Oltre, ovviamente, alla presenza di magnesio e potassio.