Lutto devastante nel mondo del ciclismo: lascia un vuoto incolmabile

Grave perdita nel mondo del ciclismo, perde la vita uno storico protagonista su due ruote. I messaggi di cordoglio di amici e colleghi.

lutto ciclismo vuoto incolmabile
Campione di ciclismo, anni ’60 (Instagram)

Ha fatto la storia del ciclismo nel lontano 1965-1966, gli anni d’oro che lo hanno visto al primo posto, in cima a guardare tutti i concorrenti dall’alto.

Non ha raggiunto la medesima fama di Marco Pantani in maglia rosa, ma quello stesso indumento è riuscito a vestirlo per 19 giorni consecutivi. Per lui fu una gioia immensa, una carica emotiva maggiore nello spingersi oltre.

Inoltre ha vissuto all’epoca di Gismondi e Merckx, prendendosi per un Giro d’Italia e un Tour de France vinti, i giusti meriti, nonostante i due mostri sacri suddetti.

La scomparsa del ciclista che ha devastato i cuori degli appassionati è avvenuta come un fulmine a ciel sereno, per il campione dall’età di 85 anni.

Il professionista è stato anche protagonista negli anni 1961 e 1970, periodo nel quale oltre ai due trofei già citati riuscì a laurearsi “Campione del Mondo” a Imola, inanellando in bacheca due ‘tempi record’ straordinari, ancora oggi rimasti imbattuti

Lutto nel ciclismo: la scomparsa che devasta il cuore di tutti. L’addio più commovente

lutto ciclismo vuoto incolmabile
Campione nel ciclismo degli anni 60′ con la maglia azzurra (Instagram)

Grave perdita per gli amanti dei due ruote e più nel dettaglio per i campioni del ciclismo. All’età di 85 anni ci ha lasciato un’icona di questo sport, degli anni 60′-70′.

Non ha riscosso successi in serie ma quelli che ha ‘dipinto’ in bacheca sono rimasti record ancora imbattibili e unici nella storia del ciclismo.

L’aver allungato sull’avversario a 90 km dal traguardo sul diretto concorrente, ad Imola è una delle immagini epiche e strenue di un vero eroe.

Prima di alzare il trofeo mondiale al cielo coronò quella straordinaria cavalcata, distaccando il diretto avversario, Van Springel di 9 secondi e 50′. Altro record ancora da sconfiggere per i ciclisti della nostra epoca.

Insomma per Vittorio Adroni furono pochi ma intensi e commoventi successi, che oggi gli amanti di questo sport e qualche familiare hanno voluto ricordare, scrivendo attraverso social e telegrammi, messaggi di cordoglio.

Fra questi spicca la dedica della figlia del grande collega a quei tempi, Gismondi: “Ciao Vittorio, salutami papà” è il messaggio pubblicato da Norma.

LEGGI ANCHE–>Amici, uno degli allievi sta male: già avvertita Maria De Filippi

Leggi anche –> Mercoledì Addams, chi è la protagonista Jenna Ortega: numeri da star del cinema

A quest’ultimo si va ad aggiungere il cordoglio degli altri appassionati dal cuore spezzato e amanti delle 60 corse vinte da Vittorio, durante la sua splendida, seppur a tratti, carriera con la maglia azzurra.