“L’ho ammazzato qui”: messaggio choc su scheda elettorale. Si cerca killer e cadavere

Invece del voto l’ammissione di un delitto. Si cerca il presunto colpevole e il cadavere, un grattacapo per le forze dell’ordine.

Tessera elettorale
Tessera (foto da Instagram)

Al primo sguardo pareva fare parte di uno scherzo, il fatto non è però accaduto il 1 Aprile bensì il 26 settembre scorso, una data che certo tutti ricorderanno per via delle elezioni politiche in tutta Italia.

La scoperta è stata fatta dalla presidente di un seggio elettorale a Villasanta, il paesino facente parte della provincia di Monza Brianza. Il centro si è ritrovato così in un enigma che ancora non ha risposta.

Quando c’è stato lo spoglio delle tessere, è stata aperta una che recava questa precisa scritta che ha lasciato di stucco i presenti:

Un grattacapo senza risposta, confessa il delitto sulla scheda elettorale. Una cittadina in subbuglio per la ricerca del carnefice e della vittima

Delitto impronta
Delitto(foto da Pixaby)

 «Per le forze dell’ordine. Ho ammazzato un uomo. È sepolto in cantiere area nord. Date lui sepoltura cristiana, vi prego».

Dapprima la scheda è stata accantonata, successivamente è stata presa in consegna dalla polizia. Quel messaggio era troppo chiaro e forse conteneva un fondo di verità, la Procura ha aperto subito un’inchiesta e gli inquirenti hanno dato via alle ricerche.

E’ stata perquisita la zona nominata sulla tessera, dopo vari sopralluoghi ancora non è stato ritrovato nessun cadavere. Si è aperta anche la probabilità che possa trattarsi di uno scherzo di qualche bontempone in cerca di visibilità.

Proprio per evitare farsi allarmismi, la notizia non è stata diffusa e a distanza di quasi tre mesi è stata resa pubblica. L’unico indizio è un’impronta di una persona sulla scheda, inoltre il campo può essere ristretto per via della consegna del documento d’identità per la votazione.

Di sicuro si tratta di un residente della zona, le ricerche non si fermano qui perché il giallo è veramente difficile da risolvere. Per giorni gli inquirenti si sono dati da fare per non lasciare nel vuoto delle parole così cariche di significato.

LEGGI ANCHE –> Roma, sparatoria a Fidene, Giorgia Meloni conosceva una vittima

LEGGI ANCHE –> Bambino di 11 anni picchia donna in strada: ecco perchè

Se è stato uno scherzo è davvero di pessimo gusto, allarmare inutilmente una cittadina per la voglia di gioco da parte di irresponsabili senza scrupoli. Si attendono ulteriori sviluppi facendo leva sulla piccola impronta digitale ritrovata.