Denuncia choc, stuprata per ore in macchina: il carnefice amico del padre

Una 25enne vittima di un abuso, la denuncia parte dalla madre che sottolinea di stare lontano dal presunto mostro conosciuto in famiglia.

Violenza ragazza stupro
Violenza (foto da Pixaby)

La denuncia è terribile, una giovane 25enne si fida dell’amico di famiglia e accetta il passaggio in macchina. Troppo tardi si è accorta delle sue brutte intenzioni. Tenuta segregata per un’ora subendo un’atroce violenza.

E’ accaduto poche ore fa in provincia di Pavia. Il paese è scosso dal fatto inconcepibile ai danni della ragazza. A denunciare il tutto la madre a cui la giovane ha raccontato tutto. Un fatto insopportabile che l’ha portata a dichiarare anche sui social.

La 25enne è molto turbata ed è riuscita a sottrarsi al suo aguzzino. E’ dovuta sottostare alle sue voglie sebbene abbia gridato intimandogli più volte di fermarsi perché era tutto contro la sua volontà. Attimi di puro terrore e timore per la sua vita.

Denuncia grave contro l’amico del padre. E’ colpevole di aver abusato dell’ingenuità della ragazza stando a come racconta i particolari

Polizia soccorso denuncia
Polizia (foto da Instagram)

I fatti sarebbero andati in questo modo. La 25enne è stata avvicinata da un uomo che in realtà sarebbe un dipendente del padre. Sulla cinquantina e molto gentilmente si sarebbe offerto di accompagnarla per fare la sua commissione.

Ad un certo punto ha cambiato tragitto portandosi fuori dal paese e raggiungendo un posto appartato dove avrebbe abusato della ragazza contro il suo volere. Noncurante, il carnefice l’avrebbe costretta a subire i rapporti.

La vittima è riuscita a sfuggire alla fine e ad avvertire la madre del brutto momento passato. La signora ha immediatamente avvisato il marito e quindi la polizia è arrivata per ascoltare i fatti e agire di conseguenza.

Portata al commissariato è stato sporto denuncia e gli inquirenti sono sulle tracce dell’uomo. La madre della vittima ha deciso di rendere pubblico il terribile fatto lanciando l’allarme:

«Mia figlia è stata presa in trappola da un uomo, caricata in macchina e violentata per un’ora. State attenti, desidero solo evitare che succeda ad altre donne».

LEGGI ANCHE–>“E’ vergognoso”: Royal, i viaggi all’estero di Carlo III costano caro. I sudditi in rivolta

LEGGI ANCHE–>Terribile incidente: morto il campione di ciclismo italiano. Una tragedia

Voghera è scioccata dalla drammatica notizia. Solo per un sì non significa potersi approfittare come pare e piace. Un no è sempre un no.