Prezzi benzina, nuovo aumento: stangata in arrivo

Prezzi benzina, i continui aumenti dei prezzi della benzina e del diesel stanno mettendo gli automobilisti in una posizione difficile.

prezzi in aumento
Caro benzina(Canva-glispioni.it)

Come accade ogni anno, i prezzi della benzina e del diesel in Italia sono aumentati proprio in vista delle vacanze estive e del periodo di grande esodo. Il 2022 è stato particolarmente difficile, con continui aumenti del costo dei carburanti alla pompa.

Il prezzo del gasolio è diventato più alto della benzina per la prima volta, e i rincari hanno raggiunto livelli elevati. Questo ha avuto un impatto significativo sui costi di viaggio e sulle spese dei conducenti durante la stagione estiva.

Nel 2023, è stato imposto uno stop al taglio delle accise sui carburanti, sembrava che la situazione si fosse stabilizzata, ma, purtroppo, proprio in corrispondenza delle ferie estive, siamo punto e a capo.

Prezzo del gasolio alle stelle in vista dell’esodo estivo

caro benzina
Estrazione petrolio Canva-glispioni.it)

I continui aumenti dei prezzi della benzina e del diesel stanno mettendo gli automobilisti in una posizione difficile, obbligandoli a rivedere i loro piani di viaggio proprio poco prima della partenza.

I costi dei carburanti sono particolarmente preoccupanti per molti, poiché hanno raggiunto la media dei 2 euro al litro per la benzina in modalità servito, con il diesel che si attesta intorno a una media che oscilla tra 1,7 e 1,8 euro al litro.

Questa situazione sta mettendo a dura prova il bilancio delle famiglie e degli automobilisti che intendono viaggiare durante le vacanze estive. Molti si trovano costretti a riflettere attentamente sui loro spostamenti e ad adattare i piani di viaggio per far fronte a queste spese extra causate dai prezzi elevati dei carburanti.

Tale aumento dei costi sta influenzando le decisioni di viaggio di molte persone, costringendoli a cercare soluzioni alternative o a ridurre la distanza delle loro destinazioni per contenere le spese.

Il rincaro è attribuito principalmente alla situazione nel mercato petrolifero. Una delle cause principali è la decisione dell’OPEC+ di ridurre la produzione di petrolio. L’OPEC+ è un gruppo di paesi produttori di petrolio guidato dall’OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio) insieme ad altri paesi non membri.

Questo gruppo ha deciso di estendere i tagli alla produzione di petrolio, riducendo l’estrazione di circa 3,66 milioni di barili al giorno fino alla fine del 2023, e aggiungendo ulteriori 1,4 milioni di barili al giorno di riduzione nel 2024.

La diminuzione dell’offerta di petrolio nel mercato globale ha avuto un impatto diretto sui prezzi del petrolio, che si sono riflessi nei costi dei carburanti alla pompa.

Inevitabile l’aumento dei prezzi della benzina e del diesel, che sta influenzando i bilanci delle famiglie e degli automobilisti che devono affrontare spese più elevate durante le vacanze estive.

Ad oggi il listino prezzi rivela che la benzina self service: 1,862 euro/litro, il diesel self service: 1,709 euro/litro, benzina modalità servito: 1,997 euro/litro.

carburante al rialzo
Vacanze costose(Canva-glispioni.it)

Il diesel modalità servito: 1,848 euro/litro, GPL servito: 0,705 euro/litro, metano servito: 1,427 euro/kg e il Gnl (Gas Naturale Liquefatto): 1,245 euro/kg.

Impostazioni privacy